L’arte di prendersi cura di Sè

Buongiorno anime meravigliose e ben ritrovate!

Mi sono concessa una pausa piuttosto lunga durante queste vacanze estive e non a caso. Una pausa per rallentare, mettere da parte i pensieri, gioire dei momenti presenti e ritrovare la quiete e la mia pace interiore.

E questo è il tema che voglio trattare oggi in questo articolo del blog.

Prima di partire per la Grecia (unica, magica, meravigliosa!) ho letto un libro delizioso che mi ha ispirata.

Avete presente quando cercate delle risposte e si palesa davanti il libro di cui avevate bisogno? A me per fortuna capita spesso.

Ed ecco che si è materializzato tra le mie mani il libro “L’arte di prendersi cura di sé – come trasformare la propria vita un mese alla volta” di Cheryl Richardson, una famosa coach motivazionale statunitense che ha scritto diversi best seller sull’argomento.

Sicuramente il libro affronta dei temi piuttosto conosciuti (non svela insomma segreti miracolosi), ma è un manuale che offre indicazioni ed esercizi pratici per prenderci cura di noi, per imparare a modificare atteggiamenti o situazioni che ci bloccano e ci insegna a ritrovare il nostro ritmo naturale abbandonando stereotipi e sensi di colpa.

Lo fa attraverso una suddivisione di temi in dodici capitoli, alla fine dei quali vengono illustrate modalità per esercitarsi, libri utili da leggere, e linee guida da seguire.

Il tema che più mi sta a cuore e da cui ho tratto maggiori insegnamenti è senza dubbio quello in cui si parla del “non deludere gli altri”. Chi cerca sempre di essere una ‘brava ragazza’ a volte vive nella privazione pur di appagare chi gli sta accanto. E poi finisce per non sapere quali sono i confini e cosa desidera veramente.

A qualcuna di voi risuonano queste frasi?

Che poi quasi sempre gli altri da non deludere siamo noi, che siamo il più grande giudice di noi stesse, ambiamo alla perfezione e non ci diamo il permesso di sbagliare.

E così ho seguito qualche consiglio ed ho deciso di metterlo in pratica fin da subito: ho iniziato a dire davvero quello che pensavo, senza addolcire come al solito la pillola cercando di proteggere gli altri da eventuali disappunti (a volte la mia comunicazione è stata davvero senza filtri 😛 ), non ho avuto paura di ferire o contrariare nessuno e inoltre ho smesso di essere il contenitore dell’immondizia dei problemi degli altri, evitando le persone negative.

Il tutto è proseguito in vacanza, dove mi sono presa del tempo per me in cui ho staccato davvero la spina, ho scelto di non chiamare o sentire nessuno e di dedicarmi solo ed esclusivamente allo “stare nel momento presente”.

In che modo?

Osservando i tramonti, non pensando al futuro, respirando profondamente e soprattutto godendomi ogni istante trascorso.

Mi sono ricaricata tantissimo e sono rientrata rilassata e piena di energia.

E le persone con cui sono stata diretta e sincera? Mi amano come prima (o almeno spero!!)

Scrive Cheryl nel suo libro : “una volta presa la decisione di interrompere i comportamenti consueti votati al sacrificio e alla privazione, dovrai cominciare a dire dei no, a porre limiti, a stabilire dove si collocano i confini, allo scopo di salvaguardare il tempo da dedicare a te stessa, di risparmiare energie e di rispettare i tuoi bisogni emotivi “.

Buona cura di Sé a tutte!

Un abbraccio,

Paola

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *